Image
Top
27 aprile 2016

COME PREPARARE LO YOGURT COI FERMENTI LATTICI VIVI. LA TUA SALUTE RINGRAZIERÀ

All’interno del nostro intestino sono presenti diverse tipologie di batteri: quelli eubiotici sono necessari alla sintesi delle vitamine e di altre sostanze nutritive oltre che a fare da barriera immunitaria; gli altri, i patogeni, agiscono sugli alimenti che mangiamo avviando processi di putrefazione e di fermentazione. Entrambi i tipi di batteri sono essenziali al corretto […]

x-video-tutorial

Entrambi i tipi di batteri sono essenziali al corretto funzionamento del nostro apparato digerente, tuttavia capita spesso che i loro equilibri si alterino causando disturbi intestinali quali stitichezza, flatulenza, crampi e, nei casi peggiori, infiammazioni ed infezioni.

Per evitare questi inconvenienti bisogna agire in due modi: il primo è quello di intraprendere una dieta corretta ricca di frutta e verdura, l’altro – un rimedio più immediato – è l’assunzione di fermenti lattici vivi.

Il modo migliore per assumere fermenti lattici vivi è la preparazione dello yogurt, che tra l’altro può andare a sostituire qualche snack poco sano consumato durante la giornata.

Preparare questo tipo di yogurt è semplicissimo. Una volta procurati i fermenti lattici vivi (sembrano quasi fiocchi di latte o, volendo, piccole cime di cavolfiore) è necessario immergerei in mezzo litro di latte intero fresco a temperatura ambiente per ravvivarli; li lasciamo così – poggiando (ma non avvitando) un coperchio sul contenitore – per 24 ore circa.

Dopo questo periodo il latte si sarà addensato trasformandosi di fatto in yogurt. A questo punto utilizzeremo un colino a maglie strette per separare lo yogurt dai fermenti lattici vivi, facendo attenzione a non danneggiarli (se hanno ancora vigore, come dovrebbe essere, li utilizzeremo ancora per qualche giorno).

Passiamo sotto l’acqua fredda i fermenti, lasciamoli colare senza strizzarli e, una volta persa tutta l’acqua, saranno pronti per una nuova produzione di yogurt. Dunque prendiamo mezzo litro di latte intero fresco – sempre a temperatura ambiente – e ripetiamo il processo (che, come avrete notato, consiste in una semplice attesa di 24 ore).

Gli stessi fermenti lattici vivi possono resistere due o tre giorni, durante i quali potrete impiegarli senza problemi per preparare lo yogurt “riparatore” del vostro intestino.

E’ severamente vietato copiare i contenuti senza citare la fonte.

Submit a Comment

Posted By

Categories

Senza categoria

Se il popup non si chiude clicca QUI