Image
Top
18 settembre 2015

[video tutorial] Come fare una bella lampada semplice con le mollette del bucato

 

968775_10151668396969717_1722477481_n

 

 

 

 

Scatoloni impolverati, bottiglie di plastica usate, tanti oggetti di uso comune, che dovremmo buttare, possono tornare a nuova vita, forchette, coltelli, cucchiai, che non adoperiamo più possono  diventare dei giocattoli divertenti, oppure vecchi arnesi di ferro che si possono trasformare in vasi ultra eleganti: rivalutati, tutti gli avanzi sottratti al destino della pattumiera e della discarica, alla fine possono prendere una via diversa attraverso la creatività artistica del riciclo. Se come un figlio nel nostro ventre non nutriamo passione per il riciclo, vedremo fiori di plastica sbocciare da lavatrici sepolte, ed il sole tramontare su montagne di televisori dismessi, c’è tanto di quel materiale stipato nei container di navi commerciali grandi come città migranti, che i produttori non sanno più a chi venderlo, e gli uomini non sanno più come smaltire, le gru nei campi fumosi degli inceneritori non hanno sosta. siamo già nel futuro dove l’arte del riciclo è venerata come sacra, le api suggeranno nettare dai fiori al poliuterano, se ognuno di noi non da ora una mano.Tutto parte dal primo gesto del mattino,quando allunghiamo la mano per spegnere la sveglia,sino a quando, la sera,premiamo l’interruttore per spegnere la luce della lampada vicino al nostro letto,viviamo, tutti noi viviamo immersi fino al collo…di tanti oggetti.Oggetti che ci servono e che non servono, che ci vestono,ci trasportano, ci servono, ci assecondano. Questa abbondanza di cose è ormai così scontata da apparire naturale. Tramite l’arte del riciclo si riacquista di uno oggetto:la forma, la funzione, il bello, l’utile… la dimensione naturale di ogni cosa.

 

 

 

 

Submit a Comment

Posted By

Categories

Senza categoria

Se il popup non si chiude clicca QUI